THE PROFOUND MEANING OF THE SACRAMENT OF HOLY ORDER IN THE CHRISTIAN TRADITION

IL SIGNIFICATO PROFONDO DEL SACRAMENTO DELL'ORDINE NELLA TRADIZIONE CRISTIANA

Il Sacramento dell'Ordine, fulcro della tradizione cristiana, affonda le sue radici nella volontà chiara e inequivocabile di Cristo di selezionare alcuni tra i suoi discepoli. Questa selezione conferisce loro la responsabilità unica di partecipare alla sua consacrazione e missione, fungendo da ministri destinati a svolgere le funzioni sacerdotali in suo nome. Al centro di questo Sacramento risplende la figura di Cristo sacerdote, il Figlio consacrato e inviato dal Padre nel mondo (Gv 10,36).

Con l'istituzione di un sacerdozio nuovo, unico e perfetto, Cristo desiderava condividere questa partecipazione speciale con coloro che chiamava a seguirlo, in particolare i dodici apostoli. La costituzione di questo gruppo rappresenta la creazione di un nuovo popolo di Dio, poiché Gesù aveva l'intenzione di fondare una Chiesa duratura. La chiamata dei dodici implica l'intenzione di avere successori, sia attraverso i vescovi, con la pienezza del Sacramento dell'Ordine, sia attraverso il presbiterato.

Il concetto di presbiterato può essere dedotto dai racconti evangelici che illustrano Gesù circondato da numerosi discepoli. Questi non sono semplici credenti, bensì coloro che, seguendo Gesù, desiderano dedicarsi al suo regno. La missione sia dei dodici che dei settantadue discepoli (i primitivi seguaci di Gesù menzionati nel Vangelo secondo Luca 10,1-24), si focalizza sulla predicazione della buona novella, con entrambi i gruppi investiti dell'autorità di Cristo nel loro insegnamento.

La chiara volontà di Cristo emerge nel desiderio di istituire molti discepoli per sostenere i dodici nella loro missione. Pur conservando un'autorità superiore, Gesù ha voluto che molti altri discepoli partecipassero a una carica sacerdotale simile alla loro. Questa volontà si riflette nella struttura gerarchica della Chiesa, che non solo comprende i vescovi ma anche numerosi presbiteri, tutti chiamati a servire secondo la volontà di Cristo nel perpetuare il suo ministero sulla terra.

 

La Profondità Spirituale del Sacramento dell'Ordine

Il Sacramento dell'Ordine non è solo un atto formale, ma un profondo legame spirituale che connette il ministro con la missione di Cristo. La consacrazione sacerdotale non solo conferisce autorità ma implica anche una dedizione totale al servizio divino. Essa richiama la responsabilità di portare avanti l'opera redentrice di Cristo nel mondo, celebrando i sacramenti e guidando la comunità cristiana nella crescita spirituale.

Il presbiterato, derivato dalla volontà di Cristo di estendere la sua missione attraverso numerosi collaboratori, assume una sacralità significativa. I presbiteri, investiti dell'autorità sacerdotale, diventano tramite della grazia divina per la comunità. La loro missione si riflette nel celebrare l'Eucaristia, ascoltare le confessioni, e guidare la comunità nella preghiera e nella riflessione spirituale.

 

La Chiesa come Continuazione dell'Opera di Cristo

La struttura gerarchica della Chiesa, con il Sacramento dell'Ordine al suo cuore, è la continuazione dell'opera di Cristo sulla terra. La volontà di Cristo di avere successori nei suoi apostoli si riflette nella presenza dei vescovi e dei presbiteri, che agiscono come strumenti di trasmissione della grazia divina. Questa continuità assicura la guida spirituale e il mantenimento della tradizione cristiana attraverso i secoli.

 

Il Ruolo del Sacerdote nella Chiesa Cattolica

Il Sacramento dell'Ordine conferisce un carattere spirituale indelebile al destinatario, plasmandolo in conformità a Cristo e abilitandolo a fungere da strumento di Cristo nella Sua Chiesa. Questo carattere, una volta conferito, non può essere ripetuto né revocato, perdurando per l'intera vita del soggetto ordinato.

La grazia intrinseca a questo Sacramento si manifesta nella configurazione a Cristo Sacerdote, Maestro e Pastore. Attraverso l'imposizione delle mani e la preghiera, il candidato viene colmato dello Spirito Santo, permettendogli di adempiere al suo ministero con dignità e fedeltà. La grazia divina lo guida nel servire la comunità e dispensare i sacramenti con consapevolezza della sua responsabilità spirituale.

L'individuo idoneo a ricevere l'Ordine Sacro è un uomo battezzato, dotato dei requisiti canonici e morali. La vocazione divina rappresenta un elemento essenziale, poiché il sacerdozio non è una semplice professione, ma una missione divina che richiede una speciale chiamata da parte di Dio. La scelta del candidato deve rispecchiare la sua dedizione alla fede e la sua capacità di guidare la comunità con saggezza e compassione.

 

I Tre ordini d'istituzione divina

Gli ordini sacri della Chiesa cattolica rappresentano un elemento fondamentale della struttura ecclesiastica e sono disciplinati da precise disposizioni che ne regolano l'accesso e lo svolgimento. I tre principali ordini istituiti da Dio sono il diaconato, il sacerdozio e l'episcopato.

Per accedere a tali ordini, è imperativo non solo soddisfare requisiti specifici ma anche intraprendere un viaggio di maturità. Ventidue anni di età si richiedono per il diaconato, mentre per il sacerdozio sono necessari ventiquattro anni e per l'episcopato ben trenta anni. Questi non sono solo numeri, ma i pilastri della responsabilità e dell'importanza che ogni ruolo sacro comporta.

Il cammino verso gli ordini sacri è una danza armoniosa, una successione di passi da compiere senza tralasciare alcuna ordinazione, rispettando gli intervalli sacri che donano forma al percorso spirituale.

L'ascesa verso la consacrazione richiede un approfondimento intellettuale ottenuto attraverso lo studio della teologia e della morale cristiana in istituzioni approvate dalla Chiesa. Tale preparazione non è solo un requisito formale ma garantisce una comprensione profonda della fede, pietra angolare di un servizio sacro.

Inoltre, il titolo canonico per la sostentazione, derivante da un beneficio ecclesiastico, il proprio patrimonio o il servizio alla diocesi o alla missione, costituisce una fondamentale attestazione di impegno e dedizione.

Infine, un candidato agli ordini sacri deve essere libero da irregolarità e impedimenti che potrebbero offuscare il suo ministero.

Queste disposizioni della Chiesa assicurano che chiunque scelga di accedere agli ordini sacri, sia non solo preparato, ma anche maturo e dedicato al servizio della comunità, abbracciando i principi saldi della fede cristiana. La diversità degli ordini rispecchia la molteplicità di funzioni e responsabilità all'interno della Chiesa, garantendo così un ministero completo e armonioso.

 

La Divina Vocazione al Sacerdozio

La vocazione al sacerdozio è un dono divino che non può essere auto-attribuito. È Cristo stesso che sceglie i suoi ministri, come ricordato dalle parole del Salvatore agli Apostoli. Il sacerdote, in qualità di ministro di Dio, riveste una dignità e un potere supremi derivanti direttamente dalla sua chiamata divina. La consapevolezza di questa chiamata divina guida il sacerdote nel suo servizio, conferendo al suo ministero una profondità spirituale unica.

Mentre nelle Chiese Orientali il celibato è vincolato solo ai vescovi, nelle Chiese Occidentali è obbligatorio per tutti coloro che ricevono il Sacramento dell'Ordine. Nelle Chiese Orientali, è permesso il matrimonio per uomini ordinati al diaconato e al presbiterato. Il celibato, in queste circostanze, è considerato un grande onore, e numerosi sacerdoti scelgono liberamente di abbracciarlo. Questa scelta riflette il sacrificio personale fatto per dedicarsi completamente al servizio di Dio e della comunità.

Torna al blog

Benvenuti in Piazza San Pietro

Guarda il nostro video promozionale realizzato domenica 7 agosto 2022.
Un grande ringraziamento ai nostri clienti che hanno accettato di farsi filmare, lo apprezziamo molto.