OUR LADY OF GUADALUPE

NOSTRA SIGNORA DI GUADALUPE: LA STORIA MIRACOLOSA DELLE SUE APPARIZIONI

La venerazione per Nostra Signora di Guadalupe è profondamente radicata nella storia messicana e nella Chiesa Cattolica, grazie all'evento miracoloso dell'apparizione della Vergine Maria a Juan Diego nel 1531, vicino a Città del Messico. Questo evento straordinario ha suscitato una profonda devozione verso la Madonna di Guadalupe sia tra il popolo messicano che all'interno della Chiesa Cattolica.

 

Storia dell'apparizione

La storia di questa apparizione risale al periodo compreso tra il 1428 e il 1521, quando l'Impero Azteco fioriva nel Messico centrale, unendo tre città-stato. Nel 1521, Hernán Cortés e gli spagnoli conquistarono la capitale azteca, dando origine alla Nuova Spagna. Successivamente, i francescani arrivarono per diffondere il Vangelo tra i nativi, suscitando inizialmente una certa diffidenza che, però, portò alla conversione di alcuni indigeni, tra cui Juan Diego.

Il 9 dicembre 1531, sulla collina di Tepeyac, accadde l'evento che cambierà per sempre la vita di Juan Diego. Apparve davanti a lui una donna bellissima, la Vergine Maria, con una carnagione scura e capelli fluenti neri. Con affetto, Maria si rivolse a Juan nella sua lingua nativa, il Nahuatl, chiamandolo "Juanito, Juan Dieguito", e gli chiese di erigere una chiesa in suo onore nel luogo dell'apparizione. Tuttavia, il vescovo richiese a Juan un segno miracoloso come prova prima di concedere l'autorizzazione per la costruzione della chiesa.

Ritornato a casa, Juan incontrò nuovamente la Madonna nello stesso luogo della prima apparizione. Le comunicò che il vescovo non aveva accettato la richiesta e suggerì di scegliere qualcun altro. Tuttavia, la Vergine ribadì che Juan era il prescelto e gli ordinò di tornare dal vescovo per portare il suo messaggio.

 

Il Miracolo delle Rose e l'Immagine Miracolosa

Juan Diego tornò dal vescovo e gli raccontò dell'apparizione della Vergine Maria per la seconda volta. Il vescovo sembrava più aperto e chiese un segno della sua presenza. La Madonna accettò e chiese a Juan di ritornare il giorno seguente. Tuttavia, Juan non poté andare perché suo zio si ammalò improvvisamente. La mattina successiva, vista la disperata condizione dello zio, si affrettò a cercare un prete per l'estrema unzione. In quel momento, la Vergine Maria gli apparve nuovamente, rassicurandolo di aver guarito lo zio e gli ordinò di recarsi su un colle dove avrebbe trovato delle rose che non sbocciavano in quel periodo dell'anno. Juan obbedì e la Madonna raccolse le rose nel suo mantello (tilma), poi gli disse di presentarle al vescovo. Quando Juan aprì la tilma davanti al vescovo, le rose caddero rivelando sull'indumento l'immagine della Madonna.

 

Chiesa di Nostra Signora di Guadalupe

Nel luogo dell'apparizione, il vescovo fece costruire una cappella, sostituita nel 1557 da una di dimensioni maggiori, e successivamente da un santuario consacrato nel 1622. Infine, nel 1976, fu inaugurata l'attuale Basilica di Nostra Signora di Guadalupe. Al suo interno è conservato il mantello di Juan Diego, sul quale è visibile l'immagine di Maria, raffigurata come una giovane indigena: a causa della sua pelle scura, i devoti la chiamano affettuosamente "Vergine morenita".

Nel 1921, Luciano Perez, un attentatore inviato dal governo, nascose una bomba in un bouquet di fiori posto ai piedi dell'altare; l'esplosione danneggiò la basilica ma, miracolosamente, il mantello e il vetro che lo proteggeva rimasero intatti.

Il Santuario della Vergine di Guadalupe è il luogo di culto mariano più visitato al mondo. La Tilma e l'immagine sono conservate intatte ancora oggi. Da questo miracoloso segno, si è sviluppata una sintesi tra la cultura azteca e la fede cristiana.

L'apparizione di Guadalupe è stata ufficialmente riconosciuta dalla Chiesa cattolica e Juan Diego è stato canonizzato da Papa Giovanni Paolo II il 31 luglio 2002. La Madonna di Guadalupe è venerata dai cattolici come patrona e regina di tutti i popoli di lingua spagnola, specialmente del continente americano. La sua festa è celebrata il 12 dicembre, giorno dell'ultima apparizione.

 

Impatto sulla società e la cultura

La tilma di Nostra Signora di Guadalupe è considerata un autentico miracolo: composta da due teli di fibre di agave, ha quasi 500 anni ma è intatta e l'immagine non sembra dipinta da mani umane, non presenta infatti tracce di pennellate. Gli occhi riflettono l'immagine del vescovo in ginocchio. Questo prodigio ha avuto un enorme impatto spirituale sui nativi, incoraggiandoli ad accettare il Vangelo portato dai missionari spagnoli. La Madonna si è rivelata un'evangelizzatrice, spingendo gli spagnoli anche a trattare i nativi come membri della famiglia.

Designata patrona di Città del Messico nel 1737 e di tutti i territori della Nuova Spagna nel 1746, è stata approvata da vari pontefici come patrona dell'America Latina e delle Filippine. La sua venerazione è particolarmente diffusa tra le donne ed è stata portata in tutto il mondo dai Gesuiti.

Attualmente, la Basilica che ospita l'immagine rimane un luogo significativo di pellegrinaggio e fonte d'ispirazione, specialmente in Messico. La tilma di San Juan Diego, inviato da Dio come missionario attraverso sua madre, rimane un miracolo vivente che trasmette il messaggio della Beata Vergine Maria attraverso i secoli.

Torna al blog

Benvenuti in Piazza San Pietro

Guarda il nostro video promozionale realizzato domenica 7 agosto 2022.
Un grande ringraziamento ai nostri clienti che hanno accettato di farsi filmare, lo apprezziamo molto.