ST. MARTIN OF TOURS

SAN MARTINO DI TOURS: LA VITA STRAORDINARIA DEL VESCOVO CHE DONÒ IL MANTELLO A UN MENDICANTE

Nel coinvolgente racconto della storia cristiana, San Martino di Tours si distingue come una figura significativa, celebrata per le sue azioni altruistiche e il suo impegno nella fede. La sua vita e le sue gesta hanno ispirato generazioni; la leggenda dell'atto di carità verso un mendicante, quando divide il suo mantello a metà, riflette il suo spirito altruistico, trasformandolo in un simbolo di generosità e compassione.

 

L'Infanzia e i Primi Anni di San Martino

San Martino nacque in una famiglia pagana nel 316/317 a Sabaria, in Pannonia, l’attuale Szombathely in Ungheria, e trascorse la sua infanzia a Ticinum, l’attuale Pavia, nel nord Italia. Il padre di Martino, un ufficiale dell’esercito, lo chiamò così in onore a Marte, il dio della guerra. Nonostante il cristianesimo si stesse diffondendo rapidamente in quegli anni, soprattutto dopo l'Editto di Milano del 313 emanato da Costantino, i genitori di Martino restarono pagani.

La vocazione di Martino si manifestò fin dall'infanzia e già a dieci anni si recò presso la Chiesa Cattolica locale per abbracciare la fede cristiana.

 

La Vita Militare di San Martino e la sua Conversione

A dodici anni chiese ai suoi genitori di diventare un eremita ma questi si rifiutarono. A quindici anni, a causa di un editto imperiale che obbligava tutti i figli degli ufficiali militari ad arruolarsi nell’esercito, Martino divenne soldato e fu inviato ad Amiens in Gallia, dove trascorse gran parte della sua vita militare. Nonostante il suo ruolo di soldato, Martino non smise mai di essere gentile e di donare la maggior parte dei suoi beni ai poveri.

In un freddo giorno d'inverno, mentre era a cavallo, incontrò un mendicante seminudo e infreddolito. Non avendo più ricchezze, Martino scese da cavallo, estrasse la spada e tagliò a metà il suo mantello per darne una parte al povero. Questo gesto solidale segnò profondamente la sua chiamata alla fede. Quella stessa notte, Gesù gli apparve in sogno indossando la metà del suo mantello e pronunciando le parole: “Martino, il soldato romano che non è battezzato, mi ha vestito”. Questo sogno lo influenzò così tanto che decise di farsi battezzare, diventando cristiano all'età di 20 anni.

Terminato il suo servizio militare obbligatorio, lasciò l'esercito e si recò a Poitiers, nell'attuale Francia, dal Vescovo Ilario, un acceso oppositore dell'arianesimo. Martino rimase con lui per un certo periodo. Il Vescovo Ilario lo ordinò diacono e lo nominò esorcista.

Dopo l'esilio del vescovo Ilario a causa della sua opposizione all'arianesimo presso la corte imperiale e dopo aver sognato la conversione dei suoi genitori pagani, Martino decise di fare ritorno alla sua città natale. Durante il viaggio, fu attaccato da briganti. Quando gli chiesero chi fosse, Martino dichiarò di essere un seguace di Cristo. Il diacono Martino condivise il Vangelo con uno dei briganti, che si ravvide, rilasciò Martino e successivamente abbracciò la fede cristiana.

Una volta tornato a casa, il diacono Martino riuscì a convertire sua madre al cristianesimo, ma purtroppo non riuscì a persuadere il padre. Tuttavia, altri abitanti della sua città natale si convertirono grazie al suo insegnamento.

 

Fondazione di un Eremo e Azioni Miracolose

Dopo il ritorno in Italia, Martino di Tours si stabilì a Milano, dove iniziò la fondazione di un eremo. Tuttavia, il suo soggiorno in questa città fu breve a causa dell'allontanamento deciso dall'Arcivescovo ariano di Milano. Nel 360, Martino si recò a Poitiers dopo aver appreso la fine dell'esilio del vescovo Ilario. Qui ottenne l'approvazione del Vescovo locale per realizzare la sua vocazione e stabilirsi in un eremo a Ligugé, vicino a Poitiers. Questo luogo vide l'istituzione di una forma monastica, un modello all'avanguardia nell'Occidente cristiano. L'eremo di Ligugé, precedente perfino all'Ordine di San Benedetto, trasse ispirazione dai monaci orientali, configurando così la prima comunità monastica documentata in Francia.

Martino trascorse 15 anni a Ligugé, immergendosi nello studio delle Scritture sacre, svolgendo azioni di apostolato nelle campagne e compiendo prodigi durante il suo cammino. È narrato che riuscì a resuscitare un catecumeno non ancora battezzato, il quale attribuì la sua rinascita alle preghiere del Santo. In un'altra occasione, riportò in vita uno schiavo che si era impiccato. Questi miracoli contribuirono a costruire la reputazione di Martino e ad aumentare la sua venerazione.

 

Il Ministero Episcopale e la Morte

Nel 371, nonostante la sua reticenza, Martino fu nominato Vescovo di Tours. Pur esercitando le funzioni episcopali, non abbandonò mai la sua vita monastica, preferendo vivere fuori dalla città in eremi insieme ad altri chierici, dove si dedicò alla preghiera. Attraversò la Gallia (Francia) durante i suoi viaggi, predicando, assistendo i poveri, i prigionieri, convertendo molti e compiendo miracoli, scacciando i demoni.

Si oppose a varie eresie, lavorando in collaborazione con altri vescovi ortodossi, tra cui il futuro Santo Ambrogio di Milano. Distrusse templi pagani e guadagnò il rispetto di tutti, tanto da essere temuto dai suoi oppositori e lodato dai suoi sostenitori ogni volta che svolgeva il suo ministero.

Martino morì l'8 novembre 397 a Candes-Saint-Martin, dove si era recato con alcuni discepoli con l'intento di ristabilire la pace tra membri del clero. Ai suoi funerali, celebrati l'11 novembre, parteciparono migliaia di monaci e monache. Due dei suoi discepoli più noti, i nobili san Paolino (355-431) e Sulpicio Severo, vendettero i loro beni per aiutare i poveri: il primo si ritirò a Nola diventando Vescovo, mentre il secondo si dedicò alla preghiera e scrisse un libro sulla vita straordinaria di Martino, pubblicato agli inizi del 400. Questo libro ebbe un grande successo e contribuì a promuovere i pellegrinaggi a Tours per onorare la tomba di San Martino.

 

Celebrazioni

San Martino è stato onorato con migliaia di chiese dedite a lui, oltre 4.000 solo in Francia. Numerosi artisti hanno immortalato scene tratte dai racconti di Sulpicio Severo attraverso vetrate, dipinti e sculture, in particolare la celebre scena ad Amiens in cui Martino divide il suo mantello da soldato con un mendicante.

L'atto di altruismo verso il mendicante, donandogli metà del suo mantello, è stato celebrato per secoli, ispirando opere d'arte, poesie e racconti. Questo gesto è un simbolo eterno di compassione e generosità.

La festa di San Martino, celebrata l'11 novembre, coincide con la data dei suoi funerali a Tours. Questa celebrazione è diventata una festa di grande importanza in tutto l'Occidente, grazie alla sua rinomata santità e al gran numero di cristiani che portano il nome di Martino. Al Concilio di Mâcon, fu stabilito che questa giornata sarebbe stata festiva e non lavorativa.

Torna al blog

Benvenuti in Piazza San Pietro

Guarda il nostro video promozionale realizzato domenica 7 agosto 2022.
Un grande ringraziamento ai nostri clienti che hanno accettato di farsi filmare, lo apprezziamo molto.